Crampi alle gambe: ecco perché avvengono

Crampi alle gambe: come combattere questi fastidiosi disturbi



Crampi alle gambe: non rappresentano certo una malattia preoccupante, ma non ci sono dubbi sul fatto che siano dei disturbi fastidiosamente dolorosi.

Quelli che comunemente chiamiamo crampi alle gambe non sono altro che contrazioni temporanee, dolorose e involontarie della muscolatura.

Il nostro corpo presenta dei punti sensibili che sono maggiormente colpiti da queste contrazioni: la gamba è il luogo d’eccellenza dei crampi che, anche se possono capitare in altre zone del corpo, interessano piede, polpaccio e coscia.

Soffrono in modo più frequente di crampi alle gambe le donne in gravidanza, gli sportivi, gli anziani e gli ipertesi ma i fattori scatenanti possono essere molto diversi da caso a caso.

Tra le varie cause possiamo infatti citare un eccessivo sforzo fisico e muscolare: è il caso degli sportivi, come i calciatori o i maratoneti che sottopongono le proprie gambe ad un affaticamento continuo e costante – se non crescente.

Ma, come abbiamo accennato poc’anzi, anche le donne e gli anziani sono soggetti ai crampi alle gambe. Il loro caso però è più dovuto a problemi circolatori o ad arteriosclerosi. Questo tipo di crampi è chiamato crampi notturni poiché avviene soprattutto di notte: i dolori sono talmente intensi che possono svegliare il soggetto.

crampi alle gambe

Un altro motivo della comparsa di crampi alle gambe è dovuto a una scorretta dieta alimentare. Potassio, magnesio, sodio, calcio: se queste sostanze nutritive e sali minerali non costituiscono quantità considerevoli e necessarie per l’organismo a causa di squilibri di varia natura (ad esempio, una sudorazione eccessiva), i crampi alle gambe sono una naturale conseguenza.

I crampi possono inoltre comparire a causa di un postura scorretta che grava sulla circolazione linfatica e sanguigna.

Esistono delle cure naturale o immediate per ovviare a questo disturbo? Scopriamo insieme quali sono i rimedi per i crampi.